4 trucchi per incrementare con la gamification l’Employee Advocacy

/, Engagement/Gaming/Promotion/4 trucchi per incrementare con la gamification l’Employee Advocacy

4 trucchi per incrementare con la gamification l’Employee Advocacy

2019-04-17T17:43:32+02:00 21 Dicembre, 2018|

Quando stai costruendo il tuo brand attraverso una strategia di marketing, uno degli obiettivi primari è l’utilizzo di più canali per amplificare la diffusione di contenuti, aumentare l’engagement ed acquisire nuovi lead. Nell’epoca della sovraesposizione dei messaggi è molto difficile per un marchio (qualsiasi marchio) farsi notare e farsi riconoscere, la notorietà è fondamentale per emergere nei canali social e digitali e il mezzo più veloce per farla crescere è valorizzare la portata delle comunicazioni.

Tuttavia, stai dimenticando un elemento importante nella tua strategia: i tuoi dipendenti ed il loro utilizzo dei social media e di una strategia di marketing conforme al loro ruolo aziendale.
I tuoi dipendenti possono essere parte di una strategia potentissima, perché? Perchè sono le persone dietro al tuo brand che:

  • lavorano sodo
  • sostengono la tua mission
  • ti aiutano nel realizzare i tuoi obiettivi nel business.

Sono le prime persone che si trovano all’interno della tua cultura aziendale e che testano quotidianamente la qualità dei tuoi prodotti o servizi. I tuoi dipendenti sono coloro che possono prestare vera credibilità e autenticità ai tuoi sforzi di marketing.

La parte migliore? Includere i dipendenti nella tua strategia di marketing non ti costerà molto economicamente, ma può dare grandi soddisfazioni. Infatti, secondo alcuni dati del MLS Group le comunicazioni che riguardano il brand condivise dai dipendenti sulle diverse piattaforme, sono ricondivise più frequentemente, fino a 24 volte di più.

Inoltre, la condivisione di determinate informazioni da parte di dipendenti sui social media può generare più lead, concludere vendite in modo più rapido e dare un maggiore aiuto nel mantenere i clienti.
Ora che hai compreso le motivazioni di questa strategia, probabilmente ti starai chiedendo come cominciare il programma con gli impiegati. Di seguito, alcuni trucchi per concretizzare i tuoi sforzi.

 

 

1- Attiva gli employee brand ambassadors

Ottenere sostegno dai dirigenti e le persone che ricoprono ruoli di leadership nell’azienda è il primo passo, insieme all’utilizzo di strumenti della gamification, per far conoscere il proprio marchio e gestire le informazioni in modo efficace, migliorando le relazioni sia con i dipendenti che con i clienti. Non è un segreto che i sociali media sono divenuti parte integrante delle nostre vite quotidiane e forse alcuni dipendenti stanno già condividento contenuti sul tuo brand. Quindi perché non investire su questo aspetto?

Avere a disposizione un team formato ed efficace nel condividere i messaggi di branding è molto rilevante, sia in termini di aumento della performance (fidelizzazione dei dipendenti) sia per la rilevanza che il passaparola da loro generato ha per la rete dei loro contatti. Richiedi collaborazione ai dirigenti e leader dell’azienda per creare una rete di attività di comunicazione nei social media e per includere con credibilità il resto del team aziendale.

Immagina di creare un team di brand ambassadors dove i partecipanti possono lavorare con il team marketing per sviluppare e definire insieme l’ advocacy program. Fai una piccola ricerca per individuare quali dipendenti stanno attualmente condividendo in modo attivo contenuti sul tuo brand e che potrebbero ricoprire questo ruolo in modo efficace. Quando troverai un contatto per merito loro, ringraziali per i loro sforzi e chiedi loro di diventare parte integrante nella strategia nell’utilizzo dei social media, dimostrando loro i benefici.

Mediamente un employee advocat ha una rete di 420 amici su Facebook, 400 contatti su Linkedin e 360 follower su Twitter (Fonte: Smarp)

Questa statistica ci dice che non stiamo parlando di influencer, ma di persone in grado di passare un messaggio reale e di valore a una cerchia fidata di contatti. Alla fine del percorso, probabilmente i brand ambassador saranno ancora più orgogliosi nel condividere contenuti sul tuo brand, incoraggiando così anche altre persone a condividere contenuti.

Employee Advocacy - gamification - whappy

2. Rendi la partecipazione facile e divertente

Se vuoi che i tuoi dipendenti inizino ad utilizzare più frequentemente i social media per quanto riguarda il tuo brand, devi rendere l’utilizzo facile e divertente. Ecco alcuni punti da tenere in considerazione:

  • Utilizzare messaggi pre-scritti. Per le comunicazioni sui social media, fai utilizzare al tuo team messaggi già preparati, così l’unica cosa che dovranno fare è fare copia – incolla, senza perdere tempo a creare ogni volta nuovi messaggi. Facile.
  • Assicurati inoltre di fornire loro una serie di contenuti coerenti relativi all’azienda e curati in modo adeguato. Questo aiuterà il team ad essere aggiornati contemporaneamente sugli ultimi articoli, creando una miscela di contenuti utili al target e così, espandendo la rete di seguaci.

Crea delle linee guida chiare su cosa dovrebbero condividere. Nei profili dei social media, capita spesso di condividere contenuti lavorativi e contenuti personali. Assicurati che questi due generi separati, ad esempio, per far sì che le persone interessate leggano dei post specifici si possono utilizzare hashtag creati ad hoc. Un esempio? Per le comunicazioni di tipo lavorativo i dipendenti di Dell utilizzano l’hashtag #Iwork4Dell.

I contenuti B2B hanno performance migliori del 16% se condivisi in orari lavorativi, mentre i contenuti B2C migliorano i risultati del +17% nel fine settimana (Fonte: CoSchedule)

Probabilmente, starai già utilizzando tool per i social media che ti diano sostegno nel monitorare e organizzare la tua presenza nelle diverse piattaforme online. Alcuni degli strumenti che utilizzi potrebbero essere utili anche ai tuoi dipendenti: compila una lista di tools facilmente utilizzabili per fargli gestire la loro presenza sui social in modo indipendente e continuativo.

3 – Mostra l’impatto positivo che creano con la loro presenza online

Una volta che il tuo team ha iniziato l’attività di condivisione sui social, il prossimo passo è assicurarsi che continuino in modo frequente. Un modo per assicurarsi che non interrompano la loro attività è dimostrare il loro impatto positivo per l’azienda e per le vendite.

Ad esempio: aggiorna regolarmente il team su come sta procedendo questo tipo di attività, premiando chi riceve maggiori feedback e spargendo per l’ufficio brevi e divertenti contest o competizioni settimanali.

Questa attività è molto importante per il progesso e richiede al management di avere strumenti di monitoraggio, reportistica e valutazione aggiornati in tempo reale. All’interno del processo di sviluppo di strumenti di gamification questo tema viene tenuto particolarmente in considerazione, senza appesantire l’usabilità da parte degli utenti.

4 – Non forzare o obbligare: rendi tutto divertente

La cosa più bella dell’employee advocacy nel social media è l’autenticità. Come abbiamo accennato all’inizio dell’articolo, il team dovrebbe condividere il loro punto di vista nei confronti dell’azienda, senza essere messi eccessivamente sotto pressione o obbligati ad aderire a questo genere di attività. Non affidare questo compito a chi non è predisposto o non adatto, rischieresti di rovinare strategia e di creare un clima lavorativo teso.
Come abbiamo visto, avere un team che si occupa di condividere e comunicare contenuti interessanti sul brand è molto importante.

Crea una rete credibile di branding nei social ed aumenta le performance aziendali con successo!

 

 

Di questo e di altro parleremo nel seminario in collaborazione con edizioni Este il 6 Febbraio a Milano, qui maggiori informazioni