Come valutare la performance dei dipendenti in maniera efficace

Come valutare la performance dei dipendenti in maniera efficace

2018-12-06T22:38:16+00:00 2 novembre, 2018|

Matteo lavora nell’ufficio marketing di una grande azienda, arriva sempre puntuale ed esce dall’ufficio a fine giornata, consegna i report statistici secondo le scadenze prestabilite e rispetta sempre il budget assegnato per le promozioni, facendo spesso anche saving rispetto a quanto preventivato. Con questi dati è possibile valutare la sua performance in modo efficace?

Raccogliere queste informazioni e interpretarle è difficile e pericolosamente fuorviante. Come supportare al meglio Matteo, il team delle risorse umane e la dirigenza nel valutare l’attività del singolo e quella del gruppo? Ce lo siamo chiesti quando abbiamo deciso di cambiare la partita dell’usuale paradigma direzionale sistema di valutazione, secondo un approccio diverso.

Il 45% dei dipendenti sente che le valutazioni della gestione delle prestazioni sono inefficaci (Fonte: Forbes)

La valutazione dei dipendenti è una revisione delle prestazioni pianificata da un supervisore, di norma il superiore gerarchico diretto. In una tipica valutazione delle prestazioni si discuteranno le aspettative di risultato, quelle che sono state superate, soddisfatte e quelle in ritardo.

Le valutazioni dei dipendenti sono di solito svolte su base annuale e spesso sono direttamente connesse con premi e promozioni dei dipendenti.

Per poter valutare la prestazione complessiva di un dipendente, ad esempio un commerciale, è necessario che si sia creato un circolo virtuoso fra azienda e venditore, dove il reciproco supporto e interdipendenza sono diventati elemento essenziale di relazione tramite fiducia e stimolo, grazie al metodo della gamification.

Le aziende che implementano feedback regolari dei dipendenti hanno tassi di turnover inferiori del 14,9% rispetto ai dipendenti che non ricevono feedback. (Fonte: SurveyAnalytics.com)

 

Queste sono alcune delle azioni necessarie da svolgere per arrivare ad una valutazione efficace della performance:

  • Creazione di obiettivi sfidanti, ma raggiungibili
  • Condivisione chiara degli obiettivi fra azienda e dipendente
  • Monitoraggio dell’andamento della performance
  • Raccolta corretta dei dati
  • Confronto stimolante con il resto del team
  • Sviluppare metriche e KPI dedicati

Gli strumenti che le aziende hanno utilizzato fino ad oggi permettono di avere un processo di valutazione completo e stimolante? Difficilmente riuscirete a rispondere in maniera affermativa. È in questo scenario che la gamification entra e si pone come tecnologia in grado di cambiare completamente il sistema, perché interpreta gli obiettivi e li spinge ad essere dei traguardi sfidanti e motivanti per i dipendenti.

Molto di più, permette di avere dati e informazioni completi e in tempo reale.

In ogni momento, sia il dipendente che il titolare il suo superiore (o HQ o l’ufficio HR) hanno la possibilità di confrontarsi sull’andamento della performance, attivando in modo tempestivo tutte le azioni necessarie a correggere o a potenziare lo sviluppo aziendale prima che sia troppo tardi.

La valutazione non è più un esame di fine anno in cui i tirano le somme, ma diventa un processo dinamico in continuo aggiornamento; in questo ambiente il dipendente ha un coinvolgimento maggiore e riesce a fornire maggiori feedback e contenuti più rilevanti per generare i dati che descrivono la propria performance contribuendo al database building. Dall’altra parte l’azienda ha la possibilità di avere una visione d’insieme costante, attraverso dashboard facili da consultare e con dati costantemente aggiornati.

Basta esami di fine anno, molto meglio il miglioramento continuo con le logiche del gioco.